Le lenti oftalmiche nascono per dare risposta ai piccoli e grandi problemi di visione che il nostro occhio può avere. La gamma prodotti Carl Zeiss Vision offre una risposta concreta ad ogni esigenza. Le lenti oftalmiche sono classificabili in base al materiale di produzione, al suo indice di rifrazione o alla tipologia di lente.

Le prime ad essere state create e lanciate sul mercato sono state le lenti in vetro minerale, materiale usato per la prima volta nel lontano 1250. Le sue caratteristiche tecniche e ottiche l'hanno reso, per anni, la migliore soluzione per un occhiale capace di rispondere alle necessità visive di ogni singolo portatore. La ricerca su questo materiale non si è mai fermata fino ai giorni nostri e si è concentrata sull'individuazione di un prodotto finito con un indice di rifrazione sempre più alto per guadagnare in leggerezza e sottigliezza, e con una miscela capace di assicurare eccellente qualità, maggiore durezza e resistenza agli agenti chimici.

Nonostante i progressi effettuati, però, oggi giorno l'utilizzo del vetro è stato largamente superato da materiali organici, che offrono un'altrettanto elevata qualità di visione, trasparenza e soprattutto consentono la realizzazione di lenti molto sottili, leggere (difficilmente ottenibili con il vetro minerale), e resistenti. Le lenti in materiale organico sono disponibili in vari indici di rifrazione (tanto più è alto, tanto più sottile e leggera è la lente) che vanno dall'indice standard, CR39, fino agli altissimi indice 1.74 e consentono una serie di lavorazioni superficiali (colorazioni, specchiature, antiriflessi ...), non realizzabili su lenti in vetro.
Oltre al materiale di produzione, le lenti oftalmiche differiscono anche nella tipologia e quindi nella funzione che svolgono. Esistono lenti oftalmiche specifiche per ogni esigenza visiva:
• lenti monofocali per la visione ad una sola distanza (vicino o lontano)
• lenti bifocali per una visione tradizionale del vicino e del lontano
• lenti progressive, l'evoluzione dei mezzi occhialini per una visione continua e naturale a tutte le distanze

Fondamentale per una soluzione ottimale e personalizzata è la scelta di una lente dalla qualità certificata, unitamente al ruolo dell'ottico optometrista e del medico oculista, capaci di guidarLa al meglio nella scelta tra materiale organico o minerale, trai vari disegni di lente e i trattamenti di superficie.
lenti Essilor fotocromatiche Transition VI in materiale organico nascono da un processo sicuro e brevettato : i pigmenti fotocromatici vengono incorporati sul lato convesso della lente organica, ad una profondità costante.
Così, la colorazione risulta omogenea e uniforme, qualunque sia la geometria della superficie (bifocali incluse) e il tipo di spessore. Tutto ciò garantisce un eccezionale insieme di prestazioni che fa della lente fotocromatica Essilor una lente speciale.
Trasparenza totale allo stato neutro.tasso di trasmissione della luce 93% allo stato neutro. stabilità dei colori durante tutto il processo fotocromatico colorazioni: marrone, grigia e verde.
Grande comfort:passaggio eccezionalmente rapido dallo stato scuro allo stato chiaro Lenti adeguate al ritmo dei loro spostamenti in ambienti con differenti intesità luminose.

Le Lenti Multifocali-Progressive

Le lenti multifocali e gli occhiali montati con questo tipo di lenti sono usati da oltre 200 anni e sono da considerarsi i progenitori delle più attuali lenti progressive. Nonostante il sopravvento di queste ultime, però, rimangono ancora estimatori di questa tipologia di prodotto che giustificano la presenza di una gamma con caratteristiche tali da soddisfare le diverse esigenze visive.

I primi occhiali realizzati con lenti bifocali erano costituiti da due mezze lenti, le lente superiore veniva usata per il lontano, mentre l'inferiore per vicino.

Intorno ai 40 anni, quando il potere accomodativo degli occhi diminuisce, la maggior parte delle persone inizia ad avere difficoltà nella messa a fuoco di oggetti che si trovano a loro vicini. Per superare questo problema l'occhio ha bisogno di un ulteriore potere diottrico positivo.

Diversamente dalle bifocali, le lenti progressive rappresentano per il presbite un valida soluzione per una visione nitida e continua per vicino, lontano e per la distanza intermedia, senza alcune linea di divisione sulla lente.

I primi tentativi di produrre lenti progressive risalgono al 1909, ma si è aspettato fino al 1956 per avere il primo risultato concreto. Da allora, la tecnologia oftalmica ha prodotto strepitosi miglioramenti per questo tipo di lenti. Le acrobazie visive e i lunghi periodi di adattamento che si avevano con le prime lenti progressive, ora sono un ricordo grazie ai sofisticati design di superficie e ai notevoli vantaggi estetici.

L'attuale obiettivo della ricerca è rivolto, non solo al miglioramento delle prestazioni delle lenti progresive "universali", bensì allo sviluppo di prodotti super personalizzati, capaci di adattarsi alle singole necessità individuali, realizzando lenti create "su misura".

ZEISS

Fiore all'occhiello dell’azienda tedesca è la nuova lente multifocale

Gradal Individual FrameFit:

la lente progressiva calcolata e prodotta in base ai parametri di ogni singolo utente, tenendo conto della prescrizione ottica, dei dati individuali e posturali e dei parametri di adattamento della montatura. Gradal Individual FrameFit è la lente progressiva "su misura" per tutte le distanze, di eccezionale comfort d'uso e facilità di adattamento.

Trattamenti di superficie per migliorare la trasparenza e la resistenza delle lenti oftalmiche

I trattamenti di superficie sono delle applicazioni posteriori alla costruzione e al controllo della lente oftalmica che vengono applicati a diversi scopi:
• aumentare la durezza superficiale (trattamento indurente), riservato alle sole lenti organiche;
• ridurre la riflessione superficiale (trattamento antiriflesso), per le lenti organiche oggi sempre associato anche all’indurente e all’anti-imbrattante;
• modificare la trasmittanza della lente (colorazione) ottenuta con un processo ad immersione per le lenti organiche o sotto speciali impianti ad alto vuoto per le lenti minerali.

Nel nostro negozio di Via F Ozanam n. 52 è in funzione un laboratorio di montaggio per occhiali urgenti. Personale altamente qualificato è responsabile dei vostri occhiali, il montaggio, la centratura e la migliore soluzione estetica passa per le loro mani. La cura e l’amore con cui vengono realizzati i nostri occhiali dopo 50 anni è anche merito loro.

 

Ottica Candino (negozio in zona Monteverde)
Via Ozanam, 52
00152 Roma (RM)
Tel +39.06.535642 Fax +39.06.535642
Email: info@otticacandino.it
P.I. 01393421001 C.F. 05367030581
Ottica Candino (negozio in zona aurelio/vaticano)
Via Gregorio VII, 377
00165 Roma (RM)
Tel +39.06.633244 Fax +39.06.633244
Email: info@otticacandino.it
P.I. 01393421001 C.F. 05367030581
Powered by CA sistemi